Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Il CommendatoreIl Commendatore

Articoli

AMICI DI PAESTUM E VELIA APS, GRANDE SUCCESSO PER LA NUOVA SEDE

L’Associazione “Amici di Paestum e Velia APS” ha celebrato, in presenza delle più autorevoli cariche istituzionali del Comune di Capaccio Paestum e del Parco Archeologico, l’inaugurazione della nuova sede all’interno del prestigioso palazzo ottocentesco De Maria, in Piazza della Basilica Paleocristiana a Paestum. Per l’occasione è stata allestita, all’interno della sede, la mostra fotografica del maestro Francesco Tanasi, autore di scatti in bianco e nero del Parco Archeologico con un ritratto di Parmenide e una rielaborazione a colori con tecnica sperimentale su plexiglas. Francesco Tanasi nasce a Napoli nel 1948. Frequenta prima l’Istituto d’Arte Palizzi e successivamente l’Accademia di Belle Arti di Napoli (Scenografia), ed è qui che approfondisce il suo interesse per la fotografia, esponendo successivamente i propri lavori in prestigiose sedi italiane ed estere, con mostre personali e collettive. Negli anni ‘80 si trasferisce a Milano dove riprende a fotografare l’architettura e l’arte instaurando una proficua collaborazione con l’Istituto Geografico De Agostini e l’Electa. Negli anni ‘90 ritorna a vivere a Napoli con studio a Roma. A Tanasi va riconosciuto il merito di aver saputo intrattenere gli ospiti della serata e di averli resi partecipi grazie a una interessante ed emozionante descrizione dei propri lavori (in esposizione fino a dicembre 2021), rinvigorendo, in ognuno dei presenti, la consapevolezza di un’identità culturale che coincide con le finalità dell’associazione. Subito dopo è stata la volta del concerto “Se Nettuno suona il jazz”, che si è tenuto nell’area archeologica di Paestum nell’ambito delle aperture straordinarie serali del Parco con l’esibizione della formazione afro-latin-jazz “Jocando Latina”, composta da importanti rappresentanti del panorama jazz italiano: Alessandro La Corte al piano e tastiere, Angelo Carpentieri alla chitarra, Paolo Pelella al basso, Davide Cantarella alle percussioni, Carlo Salentino alla batteria. La manifestazione ha riscosso un grande successo in termini di affluenza e di coinvolgimento da parte del pubblico, il quale ha sicuramente apprezzato il repertorio oggetto di esibizione a testimonianza dell’impronta sempre più internazionalistica che caratterizza le iniziative dell’associazione. E proprio sul fronte internazionale sono stati registrati altri importanti riscontri, in quanto, nei giorni successivi all’inaugurazione, il professor Arnould Brejon de Lavergnèe, già direttore del Museo dei Gobelins e della Mobilerie National Francaise e del Museo di Lille,  si è recato presso la nuova sede per omaggiare l’amico Tanasi con una visita dedicata ai suoi scatti. L’illustre visitatore ha inoltre sposato convintamente la causa della tutela e della promozione del nostro Parco Archeologico, iscrivendosi all’associazione e riproponendosi di partecipare, in prima persona, alla future iniziative che saranno intraprese.

Milena Cicatiello

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Spazio Pubblicitario

Facebook

Puoi leggere anche

Articoli

Capaccio Paestum – Le politiche del “fare accertamenti” per coprire i mutui iniziano a fare acqua. L’attacco di Fratelli d’Italia. Le precisazioni di Antonio...

Rigo Diritto

Regina Elisabetta: la Regina dei record. Se n’è andata la regina dei primati. La regina Elisabetta era sul trono del Regno Unito dal 6...

Articoli

Ci auguriamo, come spesso avviene, che la nostra sollecitazione porti l’Amministrazione a darsi una mossa e completare presto i lavori in modo da avere...

Articoli

Con l’Unione dei Comuni, Capaccio Paestum rischia di dover coprire i debiti di Agropoli. Il Consiglio Comunale sta, da tempo, assumendo i toni e...