Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Il CommendatoreIl Commendatore

Articoli

(Seconda Puntata) – CARO SINDACO, I FATTI NON VANNO MAI IN PENSIONE

Abbiamo al momento 100 casi di Covid in più di Agropoli, una situazione grave sul piano pandemico ed economico, una popolazione preoccupata, i ceti meno abbienti che hanno difficoltà enormi a mettere il piatto a tavola. E il Sindaco di Capaccio Paestum che fa? Passa le sue giornate ad inaugurare rappezzi stradali, affermando che da decenni non si asfaltano le strade. Gli ricordiamo che, a memoria di tutti, nel passato, si è fatto molto di più, considerando anche la grande vastità del nostro territorio e il cospicuo numero di strade di proprietà comunale. Nel 2009, con l’Amministrazione Marino, Assessore ai Lavori Pubblici Roberto Ciuccio, furono investiti oltre 2milioni di euro per la manutenzione delle strade e il rifacimento del manto stradale di molte di esse. Da ultimo, con il Sindaco Italo Voza nel 2016, si è intervenuto su ben 42 strade comunali (molte interpoderali) con la somma di 1.500.000 euro. Da un Sindaco che ad Agropoli e in Provincia chiamavano “Franco Asfalto” ci aspettavamo molto di più di queste briciole e soprattutto notiamo la perdurante assenza di un Piano Annuale della Manutenzione Stradale, già attuato in molti comuni italiani. A Capaccio Paestum, invece, si continua a procedere day by day (giorno per giorno), a seconda delle segnalazioni e senza un criterio oggettivo di priorità rispetto alle esigenze del territorio. Tuttavia, ad Alfieri bastano poche cucchiaiate di asfalto per fargli indossare la fascia, appendere cartelli e fare inaugurazioni. Siamo di fronte ad uno stile di propaganda vecchio, quello del far passare l’ordinario come straordinario. Stessa cosa avverrà tra qualche giorno a Piazza Santini, dove il Sindaco cercherà di far passare il messaggio che il Comune di Capaccio Paestum ha una Biblioteca che è anche Digitale, quando invece si tratta di aver allestito quattro file di scaffali in Sala Erica (già ristrutturata dalle precedenti Amministrazioni) ed aver fatto un abbonamento on line ad una piattaforma di E-book, cosa che ogni persona può fare da tempo con il proprio telefonino. Ad applaudire sono rimasti solo i tifosi e gli adorantes, le truppe cammellate e qualche irriducibile.

26 FEBBRAIO 2021 A STILE TV

Tuttavia, dobbiamo dire che preferiamo il Sindaco Alfieri che fa propaganda del nulla anziché quello che, il 26 febbraio scorso, ospite di StileTv, ha tentato una difesa ad oltranza di sé stesso sulle tante vicende che da tempo lo vedono interessato. Il Sindaco era andato in trasmissione con l’idea di chiarire, una sorta di “excusatio non petita” andata in onda in diretta. Ebbene, non pochi hanno poi commentato dicendo che il Sindaco si è, nell’occasione, dimostrato non certo un abile avvocato di sé stesso. Su molte questioni, il Sindaco Alfieri ha posto toppe peggiori di gran lunga dei buchi.

  • Sui Marotta ha ribadito che ad essi non è stata riconosciuta l’aggravante di essere un “clan camorristico”. Quindi? Il fatto che un Tribunale, per una circostanza specifica, non abbia riconosciuto al sodalizio dei Marotta l’aggravante mafiosa è per Alfieri una sorta di “esimente”? Sono un gruppo che più volte è stato citato nei report semestrali della DIA. Caro Sindaco, le pare poco?
  • Sulle dichiarazioni fatte in Questura la sera del 9 giugno 2019, da parte del consigliere regionale Michele Cammarano, che ha messo a verbale di aver saputo che erano presenti ai festeggiamenti per l’elezione di Alfieri persone della famiglia Fabbrocino, il Sindaco Alfieri ha tentato di sminuire, ritenendo che Cammarano parla per sentito dire e che, quindi, quanto da lui detto non ha alcuna valenza. Invece, in tale caso, è vero il contrario. Cammarano si è presa non una ma cento responsabilità (quindi non può essere tacciato di essere superficiale o poco attendibile). Cammarano ha messo una firma su un verbale nel quale ha sottoscritto le sue dichiarazioni. Che siano de relato (o per sentito dire) poco importa, anzi ne attesta ancor di più il coraggio e la certezza nel metterle a verbale prendendosi anche le responsabilità di quanto verbalizzato. Sono gli inquirenti che devono cercare i riscontri, ed è il Sindaco Alfieri che dovrebbe invece rispondere alla domanda se c’erano o meno i Fabbrocino quella sera. E non lo ha fatto, anzi ha detto “…e che ne so, c’era tanta gente…”.
  • Nella stessa trasmissione, Alfieri ha poi detto di non conoscere e non aver mai parlato con Roberto Squecco. Che possiamo dire? Che dobbiamo constatare che Franco Alfieri ha vinto le Elezioni Comunali a Capaccio Paestum nel 2019 grazie agli oltre 300 voti (tanti ne ha presi Stefania Nobili, che non ha neanche il suo voto personale visto che è residente a Terni) raccolti da un uomo che lui non conosce e con il quale non ha mai parlato. Ne prendiamo atto, sempre con il sorriso ovviamente.

L’INCREDIBILE CONVERSAZIONE TRA GIUDICI SALERNITANI PUBBLICATA IL 9 LUGLIO 2020 SU IL QUOTIDIANO DEL SUD

Il 9 luglio 2020, su Il Quotidiano del Sud, a firma del noto giornalista Peppe Rinaldi, è stato pubblicato un articolo nel quale si è posto l’accento sull’intercettazione che di seguito riportiamo. Questa conversazione tra magistrati è emersa all’interno di un’altra indagine della Procura di Salerno. Numerose furono, a luglio scorso, le reazioni politiche di esponenti nazionali che chiesero di fare immediatamente chiarezza su questa vicenda. Una conversazione che rattrista e lascia dubbi e perplessità su innumerevoli cose.

Magistrato A: “Stanno facendo una…stanno facendo una cosa da pazzi tra…XY1…XY2 &C. (sono le iniziali di due toghe in servizio a Salerno, ndr) per togliere di mezzo un fascicolo dove c’entra in mezzo Alfieri e Company, che hanno fatto morire un ragazzo in mezzo alla strada per i lavori che stavano facendo, una serie di concussioni stanno facendo, una cosa da pazzi”.

Magistrato B: “Eh…”.

Magistrato A: “A questo punto non so nemmeno io, io veramente sto arrivando al punto che tra poco prendo e mi metto a fare le denunce veramente”.

Magistrato B: “(Ride).

Magistrato A: “No, ma veramente qua…o inizio a buttare mazzate o…perché qua veramente sta un morto per terra e questi stanno facendo…devono vedere come devono apparare Alfieri, ma poi per appare Alfieri…cosa hanno fatto…hanno messo a Modello21 (iscritti nel registro indagati, ndr) i medici della rianimazione per un ragazzo che arriva in coma, in coma cerebrale…vai trovando i medici della rianimazione…”.

Magistrato B: “Quello sta già…sta già…giustamente, giustamente hai ragione…”.

Magistrato A: “Hanno fatto una porcheria…”.

Magistrato B: “Stanno cercando di colpire l’anello debole”.

 

A cura di Carmine Caramante

TO BE CONTINUED (CONTINUA)

 

Il 19 marzo è la giornata di tutti i papà, ma anche di tutti i figli che possono finalmente festeggiarli con un bel regalo.

In offerta speciale

Orologio Bulova Uomo Ghiera Verde Devil Diver Oceanographer

 

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Spazio Pubblicitario

Facebook

Puoi leggere anche

Articoli

Capaccio Paestum – Le politiche del “fare accertamenti” per coprire i mutui iniziano a fare acqua. L’attacco di Fratelli d’Italia. Le precisazioni di Antonio...

Articoli

Con l’Unione dei Comuni, Capaccio Paestum rischia di dover coprire i debiti di Agropoli. Il Consiglio Comunale sta, da tempo, assumendo i toni e...

Articoli

Solo 1500 al Pd a Capaccio Paestum. La gente sta palesando segni di disaffezione verso il Sindaco. Ad Alfieri serve un rilancio e uomini...

Articoli

ELEZIONI COMUNALI DI AGROPOLI – IL TAR DISPONE LA VERIFICA DI SCHEDE E VERBALI. Il TAR di Salerno, con ordinanza n. 2860, ha disposto...