Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Il CommendatoreIl Commendatore

Networking

PNRR – INVESTIMENTI IN INNOVAZIONE E DIGITALE

PNRR, investimenti in innovazione e digitale. Una scelta nella giusta direzione.

Digitalizzazione, innovazione e competitività nel sistema produttivo: è una delle missioni del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – PNRR, che ha ricevuto il placet dell’Unione europea. Gli aiuti pianificati sembrano andare nella direzione giusta, quella di rafforzare l’innovazione tecnologica (e con questa la produttività) e la competitività delle PMI. Ma attenzione a non sbagliare i metodi di attuazione, né le tempistiche concordate con l’Europa. Il 22 giugno la Commissione europea ha approvato il Piano di ripresa e resilienza italiano, tappa importante verso l’erogazione di 68,9 miliardi di euro di sovvenzioni e 122,6 miliardi di euro di prestiti nell’ambito del dispositivo per la ripresa e la resilienza. Queste risorse agevoleranno l’attuazione delle misure fondamentali di investimento e riforma delineate nel Piano Nazionale per la Ripresa e la Resilienza (PNRR) e saranno essenziali per aiutare l’Italia ad uscire più forte dalla pandemia. Il Piano si sviluppa attorno a tre assi strategici, condivisi a livello europeo (digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica e inclusione sociale) e lungo le seguenti sei missioni:

  1. Digitalizzazione, Innovazione, Competitività, Cultura;
  2. Rivoluzione Verde e Transizione Ecologica;
  3. Infrastrutture per una Mobilità Sostenibile;
  4. Istruzione e Ricerca;
  5. Inclusione e Coesione;
  6. Salute.

La responsabilità nell’attuazione delle varie missioni del Piano ricade direttamente sui Ministeri e sulle Amministrazioni locali che sono responsabili della realizzazione degli investimenti e delle riforme entro i tempi concordati, nonché per la gestione regolare, corretta ed efficace delle risorse. La prima missione, “Digitalizzazione, Innovazione, Competitività, Cultura” è quella nella quale si concentreranno maggiormente gli interventi di carattere fiscale, in particolar modo nella “Componente 2” della Missione 1, “Digitalizzazione, Innovazione e competitività nel sistema produttivo”. Gli interventi, relativamente a questa componente, saranno volti al rafforzamento della politica di incentivazione fiscale del Piano Transizione 4.0. Sono stanziati in questa componente 13,98 miliardi di euro, l’80% dei 24 miliardi di euro stanziati per l’intera “Missione 1”. Gli incentivi inclusi nel Piano Transizione 4.0 sono strutturati in modo da promuovere la trasformazione digitale dei processi produttivi e l’investimento in beni immateriali nella fase post-pandemica. Agli incentivi saranno ammessi anche gli investimenti a sostegno della trasformazione tecnologica e digitale della filiera editoriale. Inoltre, sono previsti contributi per sostenere gli investimenti in macchinari, impianti e attrezzature per produzioni di avanguardia tecnologica (Allegato A alla legge n. 232/2016). Si prevede, poi, di sostenere l’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese, agendo sui servizi offerti dal Fondo introdotto con la legge n. 394/1981. Le risorse finanziarie saranno dirette a investimenti a sostegno delle PMI italiane per favorirne lo sviluppo della competitività, in termini di innovazione e sostenibilità, a titolo di esempio: studi di fattibilità, partecipazioni a fiere internazionali, servizi di consulenza da parte di personale specializzato sui temi legati all’internazionalizzazione ed al commercio digitale, finanziamento di progetti tesi a favorire innovazioni di processo o di prodotto, finanziamento di progetti tesi a sostenere la transizione green dei processi di produzione e di gestione delle attività.

Nicolangelo Di Stasi

Per approfondimenti, inchieste ed opinioni, clicca sulla scritta in basso.

Leggi la tua copia digitale de Il Commendatore Magazine.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Spazio Pubblicitario

Facebook

Puoi leggere anche

Articoli

Capaccio Paestum – Le politiche del “fare accertamenti” per coprire i mutui iniziano a fare acqua. L’attacco di Fratelli d’Italia. Le precisazioni di Antonio...

Articoli

Con l’Unione dei Comuni, Capaccio Paestum rischia di dover coprire i debiti di Agropoli. Il Consiglio Comunale sta, da tempo, assumendo i toni e...

Articoli

Solo 1500 al Pd a Capaccio Paestum. La gente sta palesando segni di disaffezione verso il Sindaco. Ad Alfieri serve un rilancio e uomini...

Articoli

ELEZIONI COMUNALI DI AGROPOLI – IL TAR DISPONE LA VERIFICA DI SCHEDE E VERBALI. Il TAR di Salerno, con ordinanza n. 2860, ha disposto...