Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Il CommendatoreIl Commendatore

Male_detti@poeti

UNA POESIA DI WISLAWA SZYMBORSKA

L’epoca è politica: una poesia di Wislawa Szymborska.

Il poeta impegnato sa bene che essere liberi cittadini significa partecipare. Oggi, più che mai, la libertà richiede uno sforzo in più del mero disinteresse o della polemica facile da tastiera: quello di essere parte attiva di questa comunità. Il disinteresse verso la politica uccide il voto libero. Il credere che tutti siano uguali uccide il pensiero libero. La libertà non è nostra di diritto e non si reclama come un oggetto che ci appartiene. Piuttosto, la si conquista. Va costruita con dedizione e sacrificio, giorno dopo giorno, facendoci uomini tra gli uomini, cittadini tra i cittadini. Certamente, anche con sacrificio, perché libertà non è fare ciò che si vuole, ma ciò che si può fare entro i limiti della legalità e nel rispetto della libertà altrui. Ed è pur sempre meglio che arroccarsi nelle proprie posizioni senza mettersi in discussione, guardare il mondo dall’alto del proprio albero (volendo citare una nota canzone di Gaber), criticandolo senza aver mai provato a cambiarlo. Questa no: non è libertà.

Siamo figli dell’epoca,

l’epoca è politica.

Tutte le tue, nostre, vostre

faccende diurne, notturne

sono faccende politiche.

Che ti piaccia o no,

i tuoi geni hanno un passato politico,

la tua pelle una sfumatura politica,

i tuoi occhi un aspetto politico.

Ciò di cui parli ha una risonanza,

ciò di cui taci ha una valenza

in un modo o nell’altro politica.

Perfino per campi, per boschi

fai passi politici

su uno sfondo politico.

Anche le poesie apolitiche sono politiche,

e in alto brilla la luna,

cosa non più lunare.

Essere o non essere, questo è il problema.

Quale problema, rispondi sul tema.

Problema politico.

Non devi neppure essere una creatura umana

per acquistare un significato politico.

Basta che tu sia petrolio,

mangime arricchito o materiale riciclabile.

O anche il tavolo delle trattative, sulla cui forma

si è disputato per mesi:

se negoziare sulla vita e la morte

intorno a uno rotondo o quadrato.

Intanto la gente moriva,

gli animali crepavano,

le case bruciavano e i campi inselvatichivano

come nelle epoche remote

e meno politiche.

(“Figli dell’epoca”, di Wislawa Szymborska)

Milena Cicatiello

Per approfondimenti, inchieste ed opinioni, clicca sulla scritta in basso.

Leggi la tua copia digitale de Il Commendatore Magazine.

 

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Spazio Pubblicitario

Facebook

Puoi leggere anche

Articoli

Capaccio Paestum – Le politiche del “fare accertamenti” per coprire i mutui iniziano a fare acqua. L’attacco di Fratelli d’Italia. Le precisazioni di Antonio...

Articoli

Con l’Unione dei Comuni, Capaccio Paestum rischia di dover coprire i debiti di Agropoli. Il Consiglio Comunale sta, da tempo, assumendo i toni e...

Articoli

Solo 1500 al Pd a Capaccio Paestum. La gente sta palesando segni di disaffezione verso il Sindaco. Ad Alfieri serve un rilancio e uomini...

Articoli

ELEZIONI COMUNALI DI AGROPOLI – IL TAR DISPONE LA VERIFICA DI SCHEDE E VERBALI. Il TAR di Salerno, con ordinanza n. 2860, ha disposto...